DIRIGENTI SCOLASTICI
CONTRATTO 2016-2018

 

      Siglato il  8/7/2019  e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 168 del 19/7/2019.

 

 GAZZETTA UFFICIALE - CCNL DELLA DIRIGENZA SCOLASTICA 2016-18

 

 


PARTE ECONOMICA DEL CONTRATTO 2016-18

 

 

Capo II

Trattamento economico dei dirigenti scolastici ed AFAM

 

Art. 38.

Destinatari del presente capo

    1. Le clausole del presente capo si applicano ai dirigenti scolastici e, ove presenti, ai dirigenti Afam.

 

Art. 39.

Trattamento economico fisso per i dirigenti scolastici ed Afam  

    1. Lo stipendio tabellare annuo lordo, comprensivo del rateo di tredicesima mensilità, dei dirigenti scolastici ed Afam, stabilito dall'art. 2 del CCNL Area V biennio economico 2008-2009 sottoscritto il 15 luglio 2010 nella misura di € 43.310,90 é incrementato, dalle date sotto indicate, dei seguenti importi mensili   lordi   da corrispondersi per 13 mensilità:

      dal 1° gennaio 2016 di € 16,00;
       rideterminato dal 1° gennaio 2017 in € 48,50;
       rideterminato dal 1° gennaio 2018 in € 125,00.

    2. A decorrere dal 31 dicembre 2018, l'indennità di vacanza contrattuale riconosciuta con decorrenza 2010 cessa di   essere corrisposta come specifica voce retributiva ed é conglobata nello stipendio tabellare.

    3. A seguito dell'applicazione dei commi 1 e 2, il nuovo valore a regime annuo lordo per 13 mensilità dello stipendio tabellare dei dirigenti scolastici ed Afam, é rideterminato in € 45.260,73.

    4. Il valore della retribuzione di posizione parte fissa dei dirigenti scolastici ed Afam, con relativi oneri a carico del fondo di cui all'art. 41, é rideterminata alle decorrenze e  nei  valori annui  lordi,  comprensivi  di  tredicesima  mensilità,  di  seguito indicati:

      a decorrere dal 1° gennaio 2018, in € 6.159,72;
       a decorrere dal 31 dicembre 2018 e a valere   dall'anno successivo in € 12.565,11.

    5. Per effetto di quanto previsto al comma 4, i nuovi valori minimo e massimo a regime della retribuzione di  posizione  dei dirigenti scolastici ed Afam sono quelli definiti dal successivo art. 42, comma 2.

    6. Restano confermati la retribuzione individuale di anzianità nonché gli eventuali assegni ad personam, ove acquisiti o spettanti, nella misura in godimento di ciascun dirigente. 

Art. 40.

Effetti dei nuovi trattamenti economici

    1. Le retribuzioni risultanti dall'applicazione dell'art.  39 (Trattamento economico fisso per i dirigenti scolastici ed Afam) hanno effetto sul trattamento di  quiescenza,  sull'indennità  di buonuscita  o  di  anzianità,  sull'indennità   alimentare,   sulle ritenute assistenziali e previdenziali e relativi  contributi  e  sui contributi di riscatto.

    2. Gli effetti del comma 1 si applicano alla retribuzione di posizione nella componente fissa e variabile in godimento.

    3. I benefici economici risultanti dall'applicazione dei commi 1 e 2 hanno effetto integralmente sulla determinazione del trattamento di quiescenza dei dirigenti comunque cessati dal servizio, con diritto a pensione, nel periodo di vigenza del presente triennio contrattuale di parte economica alle scadenze e  negli  importi previsti dalle disposizioni richiamate nel  presente  articolo.  Agli

effetti del trattamento di fine rapporto, dell'indennità   di buonuscita e di anzianità, dell'indennità sostitutiva di preavviso e di quella prevista dall'art. 2122 del codice civile, si considerano solo gli scaglionamenti maturati alla data di cessazione dal servizio nonché la retribuzione di posizione percepita fissa e variabile, provvedendo al recupero dei contributi non versati a totale carico degli interessati.

Art. 41.

Fondo per il finanziamento della retribuzione di posizione e risultato

    1.  Il fondo unico nazionale per   il   finanziamento   della retribuzione di posizione e risultato di cui all'art. 4 del CCNL Area V del 15 luglio 2010, biennio economico 2008-2009, come disciplinato dal precedente CCNL e dalle vigenti norme di legge  in  materia,  è incrementato, a decorrere dal  1  gennaio  2018,  di  Euro  2.896.592 annui, al netto degli oneri riflessi a carico dell'amministrazione, a

valere sulle risorse del presente rinnovo contrattuale, destinate alla rideterminazione della retribuzione di posizione parte fissa di cui all'art. 39, comma 4, primo alinea e, per l'intera parte residua, a retribuzione di risultato.

    2. Il Fondo di cui al comma 1 é altresì incrementato degli importi, al netto degli oneri riflessi, stanziati dall'art. 1, comma 591, primo periodo della legge n. 205/2017, alle decorrenze e per le finalità ivi stabilite.

    3. Agli incrementi disposti ai sensi dell'art. 39 comma 4 sono destinate, oltre a quota parte delle risorse di cui al comma 1, tutte le risorse acquisite al Fondo ai sensi del comma 2 e, fino a concorrenza dell'intero onere, anche quelle, già destinate al Fondo ai sensi dell'art. 1, comma 86 della legge n. 107/2015, in  coerenza con quanto previsto dall'art. 1, comma  591,  secondo  periodo  della legge n. 205/2017.

    4. Nell'anno 2018, sono rese indisponibili risorse del Fondo di cui al comma 1 in misura pari a € 15.537.989,05, al netto degli oneri riflessi. Tali risorse sono portate ad incremento una tantum del fondo dell'anno successivo, al fine   di   garantire   la   piena sostenibilità degli incrementi disposti ai sensi dell'art. 39, comma 4.

Art. 42.

Retribuzione di posizione dei dirigenti scolastici ed Afam

    1. La retribuzione di posizione é definita, per tutte le posizioni dirigenziali, ivi comprese quelle prive di titolare, sulla base della graduazione delle stesse effettuata ai sensi dell'art.  5, comma 3, lett. b).

    2. La retribuzione di posizione di cui al comma 1 é definita entro i seguenti valori annui lordi per tredici mensilità: da un minimo di € 12.565,11, coincidente con la retribuzione di posizione parte fissa, come rideterminata ai sensi dell'art. 39, comma 4, fino ad un massimo di € 46.134,81.

    3. Alla retribuzione di posizione di cui al comma 1 ed ai compensi per   gli   incarichi   di   reggenza   delle   istituzioni sottodimensionate é destinato non più  dell'85%  delle  risorse complessive del relativo fondo di cui all'art. 41.

    4. Eventuali risorse di cui al comma 3 che, a consuntivo, in un determinato anno, risultassero ancora disponibili, sono utilizzate, limitatamente a tale anno, per la retribuzione di risultato, secondo i criteri stabiliti in sede di contrattazione integrativa  di  cui all'art. 7, comma 1.

    5. I commi 1 e 3 del presente articolo si applicano dall'inizio dell'anno scolastico 2019-2020 ed é conseguentemente disapplicato, da tale data, l'art. 26 del CCNL 15 luglio 2010.

 

Art. 43.

Incarichi di reggenza

    1. Ad integrazione dei compensi già previsti dalla vigente disciplina, al dirigente cui é affidata la  reggenza  di  altra istituzione può essere riconosciuto, a  titolo  di  retribuzione  di risultato,  un  compenso  finalizzato  a  remunerare  tale  incarico, stabilito, secondo i  criteri  definiti  in  sede  di  contrattazione

integrativa di cui all'art. 7, comma 1, lett.  d), nei limiti di quanto previsto dall'art. 19 del CCNL Area V dell'11 aprile 2006.

    2. Le risorse destinate a remunerare gli incarichi di reggenza sono definite nell'ambito delle risorse di cui all'art. 42, comma 3.

    3.  Il presente articolo si applica dall'inizio   dell'anno scolastico 2019-2020 ed é conseguentemente disapplicato, da tale data, l'art. 57, comma 3, del CCNL 11 aprile 2006.